Luigi Pirandello: “La vita o si vive o si scrive”

Venerdì 12 gennaio ore 20,30 

Enoteca letteraria

presenta

"La vita o si vive o si scrive"

due novelle di Luigi Pirandello

interpretate da Emma Marconcini

musiche di e con Andrea Mancini

 

NOVELLE PER UN ANNO

La realtà del sogno (1914) dalla raccolta Candelora, vol.XIII

Nella prima novella il tema è il rapporto uomo-donna. Una moglie non amata, prima dal padre padrone e poi da un marito bellissimo ma senza affetti, consuma in sogno il tradimento nei confronti del coniuge .

Cinci  (1932) dalla raccolta Berecche e la guerra, vol.XIV

Nella seconda novella un giovane adolescente afflitto da problemi famigliari e psicologici, a causa di una banale lite con un  ragazzo, incontrato per caso lungo la strada, lo uccide, un atto pulsionale generato dalla sua mente malata. Poi, con fatuità e stolidità, riprende il cammino verso casa come se nulla fosse successo.

Andrea Mancini

Sassofonista compositore

Si è’ diplomato in Sassofono e successivamente in Musica Jazz presso il Conservatorio “Lorenzo Perosi” di Campobasso. Ha svolto un’intensa attività concertistica con il quartetto di sassofoni “Mediterraneo”, con il quale ha vinto il primo premio al “Concorso Nazionale Giovani Promesse” della città di Taranto.

 È tra i fondatori del quartetto “New Saxophone Quartet”, con il quale si è esibito in tutta Italia suonando per importanti associazioni concertistiche e prestigiosi teatri. Da diversi anni si dedica allo studio della solo-performance esibendosi in diversi contesti culturali: mostre d’arte, eventi multimediali, reading letterali, spettacoli teatrali. Importanti autori gli hanno dedicato opere di musica contemporanea, tra i quali Franco Mannino e Dimitri Nicolau . È autore di brani di musica contemporanea eseguiti dai suoi ensembles.

Emma Marconcini

storica dell’arte e attrice,

due identità che  convivono  intrecciando lo studio delle immagini e la passione per l’interpretazione. Tra le sue più stimolanti esperienze il  “Laboratorio di esercitazioni sceniche” diretto da Gigi Proietti,  il Teatro scuola, per la direzione artistica di Maurizio  Scaparro e la rassegna del Teatro di parola  curata da  Marco Lucchesi,  dove si  è cimentata con i testi teatrali di Edoardo Sanguineti.  Continuando l’affascinante ricerca sulla parola e sul suono della parola passa ai reading di poesie tra  cui  Adonis Campana,Hikmet, Neruda, Ritsos, Salinas e Szymborska,  alle presentazioni di libri presso  la Casa della Memoria di Roma e in  alcune prestigiose  librerie della capitale. Collabora con l 'AGIMUS e ha  partecipa a manifestazioni culturali curati dall’Associazione Ipazia Immaginepensiero, ad eventi organizzati dalla Sovrintendenza capitolina nei suoi spazi museali anche con letture e interpretazioni di brani classici, in occasione di finissage di mostre d'arte e alle iniziative del “Festival della Letteratura da viaggio” . In numerose esperienze il colore della voce si accompagna con le improvvisazioni del sassofono e della chitarra, con la magia del piano, la struggente sonorità del violino e della viola e la penetrante ricerca sonora della tromba e delle percussioni. Ha partecipato, inoltre, ai " Percorsi multisensoriali nei Musei delle Ville Storiche di Roma", progetto rivolto ai  non vedenti.

 

TUTTO ESAURITO – PRENOTAZIONI CHIUSE –